Passa ai contenuti principali

Mostra personale dell’artista Fernando Pisacane “KOSMOS Si può mai dire che il mondo sia un prodotto della caduta e dell’ignoranza? Sarebbe una grande bestemmia!”.

 Presso Lineadarte Officina Creativa - Via San Paolo 31 - Napoli, dal 28 maggio 2021 ore 18:30, al 18 giugno 2021 ore 18:00. 

Servizio di Pino Cotarelli

Venerdì 28 maggio alle ore 18.30 presso Lineadarte Officina Creativa - Via San Paolo 31 – Napoli, si inaugura la mostra personale dell’artista Fernando Pisacane “KOSMOS Si può mai dire che il mondo sia un prodotto della caduta e dell’ignoranza? Sarebbe una grande bestemmia!”, curata da Gennaro Ippolito e Giovanna Donnarumma responsabili di Lineadarte Officina. 

Il periodo pandemico non ha mai fermato il noto e apprezzato artista Fernando Pisacane, che ancora una volta offre al suo pubblico, ed in particolare, ai suoi collezionisti che lo seguono nel suo studio, per accaparrarsi le opere quando ancora stanno per compiersi, un’interessante mostra costituita da 14 opere, in cui si consolida la sua idea di resurrezione dell’essere umano, in quest’epoca di devastazioni conseguenti agli orientamenti errati della sua organizzazione vitale. Una resurrezione che può avvenire solo a seguito del ripensamento della relazione uomo-cosmo, nell’ottica della conservazione dell’ambiente. 

Una missione quella di Fernando Pisacane che appare evidente nelle sue opere attraverso una serie di raffigurazioni astratte che da sempre suggeriscono denunce, esortazioni all’uomo affinché possa invertire una rotta che può travolgere sé stesso. Ma l’artista Fernando Pisacane intravede ancora una speranza nel ricorso alla spiritualità, con la sua rappresentazione di una teofania in cui si fa ricorso ad una divinità. Significativa la location che col suo contesto storico-sociale da sempre accogliente, è capace di far germinare aspettative; un buon auspicio per il percorso creativo dell'artista. 

Il testo critico della giovane critica d’arte Sara Fosco, ci conduce con competenza, in questa interessante mostra:

…Pisacane utilizza per KOSMOS un linguaggio astratto al limite dell’informale, ma conserva una struttura compositiva molto descrittiva: l’obiettivo è raccontare una storia, l’itinerario verso l’Antropocene. Così con metodo, Fernando riporta nei suoi paesaggi le devastazioni che caratterizzano l’epoca geologica attuale, in cui l’ambiente terrestre viene fortemente condizionato dagli effetti dell’azione umana, continuando un lavoro iniziato già con le composizioni strutturali del 2019 come Sui campi e Dopo la terra il cielo.

L’intensa spiritualità e gli studi di simbolismo e alchimia sono parte integrante di questa narrazione che parte dall’antropogenesi per principio divino e procede con un’involuzione che priva l’uomo dell’originaria sintonia con la natura della propria spiritualità e lo condanna ad un’esistenza meccanicizzata. Tale racconto cupo si conclude tuttavia con una teofania, l’apparizione di una divinità che nell’immaginario dell’artista risolleverà le condizioni del pianeta Terra …

FERNANDO PISACANE, nato a Palma Campania (NA) Napoli, luogo di crescita e formazione, nel 1974 si diploma come scenografo presso l’Accademia delle Belle Arti, successivamente col Biennio 2003/2004 si laurea in Tecnica e Discipline Pittoriche. Lavora in RAI, in teatro firma alcune Regie, come fotografo in alcuni libri, poi sempre completamente immerso nella pittura, luogo dell’anima, che non ha mai lasciato, con mostre e collettive.

Mostra personale Fernando Pisacane

Napoli – dal 28 maggio al 18 giugno 2021

Lineadarte Officina Creativa

Via S. Paolo ai tribunali, 31 Napoli

3275849181- 3342839785

orario: lunedì al venerdì ore 17,00 | 19,00

(possono variare, verificare sempre via telefono)

vernissage: Vernissage venerdì 28 maggio ore 18.30

curatori: Giovanna Donnarumma, Gennaro Ippolito

autori: Fernando Pisacane

Testo critico: Sara Fosco

genere: arte contemporanea, serata – evento, personale

Per informazioni

Telefono: 3275849181

E-mail: lineadarte@gmail.com

Sito Web: http://www.lineadarte-officinacreativa.org

infoline: lineadarte@gmail.com -3275849181

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

 

Commenti

LEGGI PURE

Teresa Magliulo Fashion Designer e Modellista Industriale campana

di Maura Messina Napoli – Teresa Magliulo, campana col sogno di diventare stilista di alta moda, determinata nel suo intento, dopo il diploma di perito tecnico commerciale, frequenta l’Euromode School di Caserta e si diploma come stilista di alta moda e in taglio e cucito. Successivamente all’Istituto Italiano della Moda, si laurea come Fashion Designer e Modellista Industriale. Vince la prima edizione del famoso talent per stilisti “Reality Fashion Show For Designer “ della ESM (Emanuele Sicignano Management) e si propone con successo nel suo stile prettamente made in Italy. Cosa significa per te “fashion"? Per me fashion indica l’innovazione, il particolare, il dettaglio, il saper stupire; ma allo stesso tempo cerco di creare un mio fashion personalizzato che esprima un’emozione che resti impressa nelle menti oltre il tempo e lo spazio, come un qualcosa di eterno. A che tipologia di donna è diretto il tuo lavoro? Mi rivolgo ad ogni tipologia di donna, non a caso

La TILE Entertainment vince con “Tu m’uccidi, o crudel!” di Giovanni Calvino il premio come miglior corto al Gran Galà del cinema e della fiction

Sul set Franco Iavarone, Gianni Ferreri, Patrizia Di Martino,  Marianna Mercurio , Dalal Suleiman e Roberto Pappalardo Franco Iavarone La rievocazione grottesca di un omicidio famoso: quello del duca d’Andria, Fabrizio Carafa, sorpreso assieme all’amante, la bellissima Maria D’Avalos, da suo marito Gesualdo da Venosa. Il celebre madrigalista, una delle personalità più importanti nella storia della musica di tutti i tempi, finse di partire per una battuta di caccia, appostandosi invece nei pressi dell’alcova, a Palazzo San Severo in piazza San Domenico Maggiore, forse colpendo di persona con furia gli amanti, forse mandando i suoi sicari a perpetrare il duplice delitto.  “Tu mi uccidi, o crudel”, questo il titolo del corto di Giovanni Calvino, che rievoca i fatti con un piglio del tutto personale e originale, si è aggiudicato il premio come miglior corto al Gran Galà del cinema e della fiction, che si è svolto prima alla multisala Metropolitan di Napoli e, poi, nella sug

INFERNO 1860 – Un noir napoletano di Marco Lapegna

di Pino Cotarelli “Inferno 1860” (400 pagine, € 18,00) edito, per la collana Rosso&Nero da Rogiosi edizioni, è un noir napoletano, come lo definisce nel sottotitolo lo stesso autore Marco Lapegna, professore di informatica del Dipartimento di Matematica ed Applicazioni dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Il protagonista è l’integerrimo ispettore di primo rango della polizia borbonica Gaetano Casagrande che, attraverso delicate indagini, dovrà risolvere un caso di duplice omicidio: i corpi senza vita di una anziana venditrice ambulante e della moglie di un giudice appartenente all’alta aristocrazia napoletana vengono ritrovati assieme nello stesso appartamento. Le difficoltà ad operare in un periodo in piena trasformazione con all’orizzonte il dissolvimento del Regno delle due Sicilie - Garibaldi era sbarcato in Sicilia sull’onda dell’entusiasmo di un popolo stanco delle ingiustizie e che sperava nella futura ridistribuzione delle terre - la necessità di accedere

PARETE BIANCA VIII edizione, la kermesse dedicata all’arte

Prenderà il via giovedì 8 novembre alle 20:30 l’ottava edizione di Parete Bianca, la kermesse dedicata all’arte organizzata dall’associazione culturale Parole Alate presso il caffè letterario “Le scuderie di Villa Favorita” di Ercolano. Sotto la direzione artistica di Giusi Solaro, si rinnova un appuntamento divenuto, negli anni, una vera e propria vetrina per gli artisti campani che avranno la possibilità anche quest’anno di esporre le proprie opere nelle sale del prestigioso caffè letterario e di diventare protagonisti, ogni giovedì, di una serata a loro dedicata. Non cambia la formula con un poker di artisti che, per quattro giovedì, avranno la possibilità di mostrare il frutto del proprio lavoro e di farsi conoscere durante una serata a loro dedicata. L’anteprima di questa “chiacchierata con l’artista” sarà affidata, come nelle passate edizioni, alla squadra di “Fish eye”, il programma dell’emittente web Radio Stonata, che realizzerà uno speciale ogni lunedì alle 22:00.

Gli eventi in esclusiva dell’Associazione Medea Art: Palazzo Salerno e visita guidata a Klimt Experience

Gli eventi in esclusiva dell’Associazione Medea Art : Palazzo Salerno e visita guidata a Klimt Experience Domenica 11 novembre alle 10.30, appuntamento al Caffè Gambrinus con l’ Associazione Culturale Medea Art  per scoprire un "mondo" sconosciuto ai più: Palazzo Salerno. Quello che fu l'appartamento storico dell'Ammiraglio Acton, prima, e di Leopoldo di Borbone, dopo, si dischiude davanti agli occhi dei visitatori tra saloni, salette, canapè, dipinti di Salvator Rosa e altri provenienti dalla Reggia di Caserta, arredi del '700, sete di San Leucio e porcellane di Capodimonte.  Medea Art  accompagna i suoi soci nel meravigliosi e rigogliosi giardini di Palazzo Salerno, con fontane e sculture, contigui all'appartamento che evoca la memoria storica del settecento napoletano, "epoca d'oro". Ciliegina sulla torta, l’antichissima Chiesa in Santa Croce, inglobata nell'edificio dopo la demolizione dell'insula monastica. La pren

Presentazione del thriller “In nome del padre” di Massimiliano Amatucci il 29 novembre 2019 alla libreria Raffaello a Napoli

Il protagonista è in conflitto con se stesso. Votato al bene, per raggiungere un fine superiore, compie azioni deprecabili. Si muove nel ricco contesto socio economico dell’Europa di oggi, che stride con i valori cristiani e attira l’ira di varie forme d’integralismo. Su questi presupposti si amalgama il thriller di Massimiliano Amatucci , “In nome del padre”, 128 pagine, 15 euro, edito da Kairòs Edizioni , che si presenterà venerdì 29 novembre 2019 alle ore 17,30 alla libreria Raffaello in via Michele Kerbaker 35, Napoli . L’autore ne discuterà con Marco Lapegna, docente all’Università Federico II, e con lo scrittore Francesco Saverio Tisi, che leggerà qualche brano del libro, moderati dal giornalista Pino Cotarelli. L’evento sarà introdotto da Giovanni Musella, editore Kairòs. “Dopo aver pubblicato due romanzi polizieschi, avevo voglia di cambiare direzione ed è stato naturale avvicinarmi ad un altro dei miei generi letterari preferiti, quello appunto del thriller”, chia

Gomorra, tre storie di malavita e di redenzione. Presentazione a Napoli del libro “Cuorineri” di Simona Pino d’Astore, il 6 maggio 2019 alla Libreria Raffaello

Gomorra, tre storie di malavita e di redenzione. Presentazione a Napoli del libro “Cuorineri” di Simona Pino d’Astore, il 6 maggio 2019 alla Libreria Raffaello Nel romanzo-inchiesta Cuorineri , l’autrice Simona Pino d’Astore racconta che, se si nasce in un posto dove la battaglia quotidiana per sopravvivere è ormai sfociata in una guerra, non si è più bambini, non ci si può permettere di avere un’anima. Si è solo una vittima ignara di altre vittime, si è condannati, anche se ancora non lo si sa. Eppure, la via della redenzione può essere meno lontana di quanto si pensi. Sullo sfondo di una Brindisi che rappresenta simbolicamente una qualunque area urbana del mondo, deturpata dal contrabbando, dallo spaccio e dalla corruzione, s’intrecciano le vicende di Franco Altavilla, Luigi Narcisi e Luigi Patisso. Tre nomi reali, tre storie vere segnate da rapine, omicidi, reati penali scontati in carcere per conto di una criminalità organizzata che all’inizio sembrava l’unica strada

Presentazione della raccolta di racconti "Li cunti di un cilentano" di Raffaele Scorziello, venerdì 21 giugno ore 18 alla libreria IOCISTO di Napoli

‘ Li cunti ’ di un cilentano di Raffaele Scorziello,   Edizioni Magna Graecia, presentazione del volume venerdì 21 giugno 2019 ore 18 alla libreria IOCISTO di piazza Fuga a Napoli Ne parlano Nunzia Gionfriddo (scrittrice e rappresentante Iplac per la Campania) e Prospero Albertini (fisico) tra le letture dell’attore Mario Mauro. Modera lo scrittore Luciano Galassi. Il tema di   ‘ Li cunti ’ di un cilentano , pubblicato postumo a cura di Vanda Riccio Scorziello, libro suddiviso per argomento in cinque parti, trae linfa dalla usanze e le abitudini di vita delle popolazioni cilentane dalla metà degli anni ’30 ai primi ’60 del secolo scorso. Non sono racconti di fantasia, dunque, ma più che uno spaccato di vita vissuta, e di memoria, in un arco di tempo che comprende il periodo del secondo conflitto mondiale e il suo Dopoguerra. L’autore, Raffaele Scorziello di origine cilentana, nato e vissuto a Roccadaspide, non ha mai spezzato il profondo legame con la sua gente e c

Luoghi d’arte e guest internazionali per i concerti di Autunno Musicale L’Orchestra da Camera di Caserta con Albrecht Menzel, Valentina Messa e Albert Urroz Maddaloni

Luoghi d’arte e guest internazionali per i concerti di Autunno Musicale L’Orchestra da Camera di Caserta con Albrecht Menzel, Valentina Messa e Albert Urroz Maddaloni, Aversa, Caserta, Capua   2, 3 e 4 novembre 2018 Un fine settimana ricco di appuntamenti per la musica classica. Da venerdì 2 novembre la rassegna itinerante, giunta alla XXIV edizione, Autunno Musicale , ci condurrà nel cuore della sua mission e alla scoperta di nuovi e suggestivi luoghi che insieme ai musicisti dell’ Orchestra da Camera di Caserta, diretta dal Maestro A. Cascio, saranno i veri protagonisti dei nuovi appuntamenti. Primo appuntamento, venerdì 2 Novembre , alle ore 20.00, al Casino dei Duchi di Carafa , già Museo Archeologico di Calatia a Maddaloni , l'Orchestra da Camera di Caserta si esibirà in un concerto dedicato a Johannes Brahms. Special guest due virtuosi musicisti, già noti nel panorama internazionale, Albrecht Menzel al violino e Valentina Messa al pianoforte.

"PEPPINO DI CAPRI E I SUOI ROCKERS" in tutte le librerie il libro di Gianmarco Cilento, Graus Editore

PEPPINO DI CAPRI E I SUOI ROCKERS di Gianmarco Cilento   È in tutte le librerie italiane il libro PEPPINO DI CAPRI E I SUOI ROCKERS di Gianmarco Cilento, recentemente pubblicato per i tipi Graus Editore, con la prefazione del compositore e cantautore Mimmo di Francia Il volume, strutturato in sei capitoli di racconto, attraversa il periodo artistico di Peppino di Capri dagli inizi con il batterista Ettore “Bebè” Falconieri nel 1954 circa fino al 1968, anno dello scioglimento del complesso formatosi dieci anni prima, appunto, “Peppino di Capri e i suoi Rockers”, nome formale utilizzato nelle copertine dei dischi 45/33 giri e nei cartelloni per le esibizioni nei locali dal vivo, sia in Italia che all’estero. Finora sul personaggio sono stati pubblicati due volumi di rilievo, quello di Geo Nocchetti, Peppino di Capri. Il sognatore , Edizioni Rai/Eri, Roma, nel 2004; l’altro di Vincenzo Faiella e Sergio Vellino dal titolo Peppino di Capri. Discografia illus