Passa ai contenuti principali

Luoghi d’arte e guest internazionali per i concerti di Autunno Musicale L’Orchestra da Camera di Caserta con Albrecht Menzel, Valentina Messa e Albert Urroz Maddaloni


Luoghi d’arte e guest internazionali per i concerti di Autunno Musicale

L’Orchestra da Camera di Caserta con Albrecht Menzel, Valentina Messa e Albert Urroz Maddaloni, Aversa, Caserta, Capua

 2, 3 e 4 novembre 2018





Un fine settimana ricco di appuntamenti per la musica classica. Da venerdì 2 novembre la rassegna itinerante, giunta alla XXIV edizione, Autunno Musicale, ci condurrà nel cuore della sua mission e alla scoperta di nuovi e suggestivi luoghi che insieme ai musicisti dell’Orchestra da Camera di Caserta, diretta dal Maestro A. Cascio, saranno i veri protagonisti dei nuovi appuntamenti.

Primo appuntamento, venerdì 2 Novembre, alle ore 20.00, al Casino dei Duchi di Carafa, già Museo Archeologico di Calatia a Maddaloni, l'Orchestra da Camera di Caserta si esibirà in un concerto dedicato a Johannes Brahms. Special guest due virtuosi musicisti, già noti nel panorama internazionale, Albrecht Menzel al violino e Valentina Messa al pianoforte.



L’Orchestra da Camera di Caserta, composta da giovani e talentuose promesse della musica - fondata e diretta da Antonino Cascio - vanta collaborazioni con Severino Gazzelloni, Pierre Pierlot, Gervase de Peyer, Maxence Larrieu, Jorg Demus, ha tenuto concerti in Italia ed all’estero - Festival Cantelli, Festival Paganini, Vienna, Salisburgo / Mozarteum, Bratislava / Filarmonica - suscitando sempre lusinghieri apprezzamenti dal pubblico e dai media.

Antonino Cascio, docente al Conservatorio di Napoli e direttore artistico dell’Autunno Musicale di Caserta, ha diretto varie orchestre - tra cui quelle del Teatro Nazionale e del Conservatorio di Praga, della Radio Televisione Rumena e la Zagreb Chamber Orchestra.

                                 

La rassegna continuerà Sabato 3 Novembre, alle ore 19.30, nella Chiesa di S. Francesco ad Aversa con l’Orchestra da Camera di Caserta, accompagnata da Albrecht Menzel, insieme eseguiranno brani di F. Mendelssohn Bartholdy e W. Amadeus Mozart.

Albrecht Menzel straordinario talento del violino e più volte solista con straordinarie incisioni, ha suonato con le più importanti orchestre del mondo, tra cui la London Philharmonic Orchestra, la Munich Radio Orchestra, la Magdeburg Philharmonic, suona un violino di Antonio Stradivari del 1709 affidatogli dalla German Music Foundation di Amburgo.



Il concerto replicherà, Domenica 4 Novembre, alle ore 11.30, nella esclusiva e suggestiva Cappella Palatina della Reggia di Caserta.



Chiude gli appuntamenti del primo week-end novembrino, il pianista spagnolo Albert Urroz, domenica 4 Novembre, alle ore 17.30, al Museo Campano di Capua, che si esibirà in Pianofestival, con brani di Domenico Scarlatti, Enrique Granados, Isaac Albéniz e Martín Sánchez Allú.

Dopo il debutto alla Carnegie Hall di New York, Albert Urroz ha tenuto numerosi concerti in Europa, negli Stati Uniti, in Corea del Sud, in Israele, invitato da festival ed enti musicali quali il Teatro di Harlem, l’Università di New York, la Fondazione Iberica di musica spagnola, la Deutsche Oper di Berlino, l’Università di Tel Aviv, il Sejong Centre di Seoul, Conservatori di Oslo e di Amsterdam ed altri.





Info:

www.autunnomusicale.com - info@autunnomusicale.com  - tel. 0823 361801 / 339 170 29 06



Ingresso ai concerti:

Concerti al Museo Campano di Capua – con biglietteria

Concerti alla Reggia di Caserta - ad invito con prenotazione sul sito www.autunnomusicale.com / prenota online

Tutti gli altri concerti - Ingresso libero fino a esaurimento posti



Programma, note e bio artisti di Venerdì 2 Novembre, ore 20.00, Maddaloni Museo Archeologico di Calatia - Musica da Camera, Albrecht Menzel violino, Valentina Messa pianoforte



Johannes Brahms (1833-1897)

Sonata n. 2 in la maggiore op. 100



Camille Saint - Säens (1835-1921)

Introduzione e Rondò capriccioso op.28



Guillaume Lekeu (1870-1894)

Sonata in sol maggiore



Albrecht Menzel

Nato nel 1992, ha studiato con Boris Kuschnir e al Conservatorio di Vienna con Julian Rachlin; ha vinto il Grand Prix al Concorso internazionale di violino di Toruń in Polonia nel 2016 e il Terzo Premio al Paganini di Genova nel 2015. Ha tenuto concerti anche all'Elbphilharmonie di Amburgo, al Prinzregententheater di Monaco, al NOSPR di Katowice, alla House of Music di Mosca, al Teatro Carlo Felice di Genova, al Laeiszhalle di Amburgo, al Musikverein di Vienna e al Gasteig di Monaco; ha partecipato a vari festival internazionali - Meclemburgo Vorpommern Festival, Schleswig Holstein Music Festival , Rheingau Music Festival, Dresden Music Festival, International Eilat Music Festival Israele, Festival Mosca meet Friends, Sommets Musicaux de Gstaad Switzerland e George Enescu Festival – e come solista ha suonato con la London Philharmonic Orchestra, la Munich Radio Orchestra, la Magdeburg Philharmonic, la North West German Philharmonic Orchestra, la Leipzig Symphonie Orchestra, la Frankfurt Brandenburg State Orchestra, la Lódz Symphony Orchestra, la Polish Chamber Philharmonic Orchestra, la Filarmonica di Slesia Katowice, la New Russia State Symphony Orchestra e l'Orchestra del Carlo Felice Genova sotto la direzione di Kurt Masur, Vasily Petrenko, Mirosław Jacek Błaszczyk, Kimbo Ishii e Juozas Domarkas. La sua esecuzione de Concerto per violino di Mendelssohn con la Leipzig Symphony Orchestra e la direzione di Kurt Masur ha riscosso notevole successo: "... Albrecht Menzel ha incantato il suo pubblico con suoni virtuosistici, ritmi mozzafiato e un'interpretazione vivace del Concerto per violino di Mendelssohn, che non si sente spesso nelle grandi sale da concerto..." (Leipziger Volkszeitung 2011) Ha suonato in formazioni da camera con Gidon Kremer, Jan Vogler, Steven Isserlis, Julian Rachlin, Igor Levit, Nils Mönkemeyer e Julien Quentin e, da solista, insieme ad Anne-Sophie Mutter alla Philharmonie di Berlino, alla Philharmonie Luxembourg, al Palau de la Musica di Barcellona, ​​al Gran Teatro di Aix-en-Provence, alla Carnegie Hall di New York, al Kennedy Center di Washington e alla Roy Thomson Hall di Toronto. Per l’Oehms Classics e in co - produzione con la Radio Berlin Brandenburg, ha registrato il CD “Thoughts” con brani di Heinrich Wilhelm Ernst e Robert Schumann. Ha ottenuto borse di studio dalla Fondazione Jürgen-Ponto di Francoforte, dal Premio Eduard-Söring e della German Music Foundation di Amburgo. Suona un violino di Antonio Stradivari del 1709 affidatogli dalla German Music Foundation di Amburgo.



Valentina Messa

Si è diplomata con lode e menzione presso i Conservatori di Venezia e Genova, si è perfezionata con Piero Rattalino, Piernarciso Masi ed Enrico Pace ed ha seguito masterclass con Boris Petrushansky, Simone Pedroni, Alessandro Specchi, Klaus Helvigg, Joachin Achucarro, Massimiliano Damerini e Bruno Canino. Premiata in vari concorsi nazionali e internazionali - Premio Venezia, Gante di Pordenone, Società Umanitaria di Milano – ha tenuto concerti per importanti enti musicali - Normale di Pisa, Società Umanitaria di Milano, Auditorium Casa Paganini, Radio Vaticana, Unione Musicale Torino, GOG di Genova, Schleswig Holstein Music Festival, Caplan Centre for the Performing Arts di Philadelphia, Logan Centre for the Performing Arts di Chicago, Harvard University a Boston, Orchestra di Padova e del Veneto, Filarmonica di Udine Philarmonische Orchester der Stadt Trier -. Suona con l’Eutopia Ensemble e varie formazioni cameristiche ed è pianista accompagnatore presso il Conservatorio di Genova, l'Accademia di Musica di Pinerolo, il Premio Paganini e il Concorso Postacchini di Fermo.



Programma, note e bio artisti Sabato 3 Novembre, ore 19.30, Aversa Chiesa di S. Francesco - Orchestra da Camera di Caserta, Antonino Cascio direttore, Albrecht Menzel violino



Felix Mendelssohn Bartholdy (1809 – 1847)

Concerto in re minore per violino e archi



Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)

Concerto in la maggiore per violino e orchestra KV 219

Sinfonia in la maggiore KV 201



Orchestra da Camera di Caserta

L’Orchestra da Camera di Caserta ha collaborato, tra gli altri, con Severino Gazzelloni, Pierre Pierlot, Gervase de Peyer, Maxence Larrieu, Jorg Demus, Lya De Barberiis, Mario Ancillotti, Edward H. Tarr, Peter Lukas Graf, Rodolfo Bonucci, Bruno Canino, Michele Campanella, Massimiliano Damerini, Cristiano Rossi, Andras Adorjan, Susan Milan, Claudia Antonelli, Alain Meunier, Paolo Bordoni, Rocco Filippini, Alexei Volodin, Herbert Schuch, Sir James Galway, Xavier de Maistre, Sergey Nakariakov. Ha proposto inediti di da Capua, Sacchini, Sarro, Jommelli, Anfossi e Viotti. Ha tenuto concerti in Italia ed all’estero - Festival Cantelli, Festival Paganini, Vienna, Salisburgo / Mozarteum, Bratislava / Filarmonica - e ha suscitato lusinghieri apprezzamenti: “…interpretazioni impeccabili filologicamente ...prive di quegli estremismi ... gabellati per aderenze all’originale…”,“…fantasia nella creazione timbrica e nell’interpretazione…”,“…l’evento musicale ha vissuto momenti di sincera tensione in una lettura sempre consapevole frutto di un lavoro minuziosamente costruito..””… una vita interpretativa di composta eleganza…”“….l’orchestra e il suo direttore hanno reso con fresca spontaneità le sinfonie di Rinaldo da Capua e Antonio Sacchini…”“…attento a restituire all’ascolto la sobria eleganza di una scrittura in delicato equilibrio fra Barocco e Stile Classico…”“….sinceramente convincente per pulizia, discrezione e musicalità…” Fondatore e direttore dell’Orchestra è Antonino Cascio: ha studiato pianoforte e composizione con Roberto Daina e  Antonio Ferdinandi, direzione con Nicola Samale e Massimo Pradella, Karl Osterreicher a Vienna e Lucacs Ervin all’Accademia Liszt di Budapest; ha diretto varie orchestre -  tra cui quelle del Teatro Nazionale e del Conservatorio di Praga, della Radio Televisione Rumena e la Zagreb Chamber Orchestra – nonché vari ensemble tra cui Prague Collegium e il Gustav Mahler Ensemble Wien; è docente al Conservatorio di Napoli è direttore artistico dell’Autunno Musicale di Caserta.



Programma e note Domenica 4 Novembre, ore 11.30, Reggia di Caserta Cappella Palatina - Orchestra da Camera di Caserta, Antonino Cascio direttore, Albrecht Menzel violino



Felix Mendelssohn Bartholdy (1809 – 1847)

Concerto in re minore per violino e archi



Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)

Concerto in la maggiore per violino e orchestra KV 219

Sinfonia in la maggiore KV 201



Programma, note e bio artisti Domenica 4 Novembre, ore 17.30, Capua Museo Campano – Pianofestival, Albert Urroz pianoforte



Domenico Scarlatti (1685 – 1757)

Cinque Sonate

in mi maggiore K 380

in la minore K 208

in la maggiore K 209

in re minore K 213

in sol minore K 30



Enrique Granados (1867 – 1916)

Sonata in sol maggiore

(da Domenico Scarlatti)

Tre Danze Spagnole

Galante

Oriental

Andaluza



Isaac Albéniz (1860 – 1909)

Minuetto e Gavotta

(dalla Suite Antica n.3)

Tre brani da Iberia (I Quaderno)

Evocación

El Puerto

Corpus Christi en Sevilla



Martín Sánchez Allú (1823 - 1858)

Fantasia drammatica op.26

su temi dall’opera Beatrice di Tenda di Bellini



Alberto Urroz

Nato a Pamplona in una famiglia di musicisti, si è diplomato al Conservatorio Reale di Madrid dove ha studiato con Joaquín Soriano. Dopo aver vinto nel 1993 il concorso della Gioventù Musicale Spagnola, ha studiato a all’Università di Tel Aviv con Pnina Salzman ed alla Manhattan School of Music di New York con Oxana Yablonskaya, seguendo anche masterclass con György Sándor, Fanny Waterman, Solomon Mikowsky, Donn-Alexander Feder, Ena Bronstein e Ana María Trenchi.

Dopo il debutto alla Carnegie Hall di New York, ha tenuto numerosi concerti in Europa, negli Stati Uniti, in Corea del Sud, in Israele, invitato da festival ed enti musicali quali il Teatro di Harlem, l’Università di New York, la Fondazione Iberica di musica spagnola, la Deutsche Oper di Berlino, l’Università di Tel Aviv, il Sejong Centre di Seoul, Conservatori di Oslo e di Amsterdam ed altri.

Ha suonato in formazioni da camera con Oxana Yablonskaya, Pedro León, Vadim Tchijik, Luc Tooten, Andión Fernández, Laure de Marcellus e Jeffrey Ching. Il suo CD Spain Envisioned edito da IBS Classical, comprendente brani di Albéniz, Granados, Mompou, de Falla nonché la registrazione in prima mondiale della Fantasia sull’opera Beatrice di Tenda di Bellini di Sánchez Allú, ha ottenuto lusinghieri apprezzamenti da varie riviste specializzate tra cui Fanfare Magazine -  "…album pianificato in modo intelligente ed elegantemente realizzato… “, “ versioni sensibilmente colorate di Almería e El Albaicín che sono tra le loro migliori registrazioni moderne: rilassate, disinvolte, disinvoltamente idiomatiche. Se non cancellano la memoria delle versioni classiche di Alicia de Larrocha, allora possono ancora quasi essere menzionate dello stesso respiro…” -  e Piano Journal Magazine – “..lo stile di Urroz trasmette grande profondità di tono, uso raffinato del rubato, e drammatici contrasti musicali di alternanza di potere e lirismo… Alberto Urroz disegna lo spirito spagnolo di ogni opera…. la sua brillante esuberanza e il suo tocco gli permettono di dare vita a queste opere con il vero sapore spagnolo.” Ha registrato alla radio e televisione spagnola e per la radio KBS (Corea del Sud) e nel 2018, IBS Classical pubblicherà un CD dedicato a Scarlatti.


Commenti

LEGGI PURE

Teresa Magliulo Fashion Designer e Modellista Industriale campana

di Maura Messina

Napoli – Teresa Magliulo, campana col sogno di diventare stilista di alta moda, determinata nel suo intento, dopo il diploma di perito tecnico commerciale, frequenta l’Euromode School di Caserta e si diploma come stilista di alta moda e in taglio e cucito. Successivamente all’Istituto Italiano della Moda, si laurea come Fashion Designer e Modellista Industriale. Vince la prima edizione del famoso talent per stilisti “Reality Fashion Show For Designer “ della ESM (Emanuele Sicignano Management) e si propone con successo nel suo stile prettamente made in Italy.
Cosa significa per te “fashion"? Per me fashion indica l’innovazione, il particolare, il dettaglio, il saper stupire; ma allo stesso tempo cerco di creare un mio fashion personalizzato che esprima un’emozione che resti impressa nelle menti oltre il tempo e lo spazio, come un qualcosa di eterno.
A che tipologia di donna è diretto il tuo lavoro? Mi rivolgo ad ogni tipologia di donna, non a caso confeziono su misura…

La TILE Entertainment vince con “Tu m’uccidi, o crudel!” di Giovanni Calvino il premio come miglior corto al Gran Galà del cinema e della fiction

Sul set Franco Iavarone, Gianni Ferreri, Patrizia Di Martino, 
Marianna Mercurio, Dalal Suleiman e Roberto Pappalardo


La rievocazione grottesca di un omicidio famoso: quello del duca d’Andria, Fabrizio Carafa, sorpreso assieme all’amante, la bellissima Maria D’Avalos, da suo marito Gesualdo da Venosa. Il celebre madrigalista, una delle personalità più importanti nella storia della musica di tutti i tempi, finse di partire per una battuta di caccia, appostandosi invece nei pressi dell’alcova, a Palazzo San Severo in piazza San Domenico Maggiore, forse colpendo di persona con furia gli amanti, forse mandando i suoi sicari a perpetrare il duplice delitto.  “Tu mi uccidi, o crudel”, questo il titolo del corto di Giovanni Calvino, che rievoca i fatti con un piglio del tutto personale e originale, si è aggiudicatoil premio come miglior corto al Gran Galà del cinema e della fiction, che si è svolto prima alla multisala Metropolitan di Napoli e, poi, nella suggestiva cornice del Castello medioev…

Gli eventi in esclusiva dell’Associazione Medea Art: Palazzo Salerno e visita guidata a Klimt Experience

Gli eventi in esclusiva dell’Associazione Medea Art:
Palazzo Salerno e visita guidata a Klimt Experience


Domenica 11 novembre alle 10.30, appuntamento al Caffè Gambrinus con l’Associazione Culturale Medea Art per scoprire un "mondo" sconosciuto ai più: Palazzo Salerno.
Quello che fu l'appartamento storico dell'Ammiraglio Acton, prima, e di Leopoldo di Borbone, dopo, si dischiude davanti agli occhi dei visitatori tra saloni, salette, canapè, dipinti di Salvator Rosa e altri provenienti dalla Reggia di Caserta, arredi del '700, sete di San Leucio e porcellane di Capodimonte. Medea Art accompagna i suoi soci nel meravigliosi e rigogliosi giardini di Palazzo Salerno, con fontane e sculture, contigui all'appartamento che evoca la memoria storica del settecento napoletano, "epoca d'oro". Ciliegina sulla torta, l’antichissima Chiesa in Santa Croce, inglobata nell'edificio dopo la demolizione dell'insula monastica.
La prenotazione è obbligatoria, en…

Gomorra, tre storie di malavita e di redenzione. Presentazione a Napoli del libro “Cuorineri” di Simona Pino d’Astore, il 6 maggio 2019 alla Libreria Raffaello

Gomorra, tre storie di malavita e di redenzione. Presentazione a Napoli del libro “Cuorineri” di Simona Pino d’Astore, il 6 maggio 2019 alla Libreria Raffaello


Nel romanzo-inchiesta Cuorineri, l’autrice Simona Pino d’Astore racconta che, se si nasce in un posto dove la battaglia quotidiana per sopravvivere è ormai sfociata in una guerra, non si è più bambini, non ci si può permettere di avere un’anima. Si è solo una vittima ignara di altre vittime, si è condannati, anche se ancora non lo si sa. Eppure, la via della redenzione può essere meno lontana di quanto si pensi.

Sullo sfondo di una Brindisi che rappresenta simbolicamente una qualunque area urbana del mondo, deturpata dal contrabbando, dallo spaccio e dalla corruzione, s’intrecciano le vicende di Franco Altavilla, Luigi Narcisi e Luigi Patisso.
Tre nomi reali, tre storie vere segnate da rapine, omicidi, reati penali scontati in carcere per conto di una criminalità organizzata che all’inizio sembrava l’unica strada da percorrere pe…

PARETE BIANCA VIII edizione, la kermesse dedicata all’arte

Prenderà il via giovedì 8 novembre alle 20:30 l’ottava edizione di Parete Bianca, la kermesse dedicata all’arte organizzata dall’associazione culturale Parole Alate presso il caffè letterario “Le scuderie di Villa Favorita” di Ercolano.
Sotto la direzione artistica di Giusi Solaro, si rinnova un appuntamento divenuto, negli anni, una vera e propria vetrina per gli artisti campani che avranno la possibilità anche quest’anno di esporre le proprie opere nelle sale del prestigioso caffè letterario e di diventare protagonisti, ogni giovedì, di una serata a loro dedicata.
Non cambia la formula con un poker di artisti che, per quattro giovedì, avranno la possibilità di mostrare il frutto del proprio lavoro e di farsi conoscere durante una serata a loro dedicata. L’anteprima di questa “chiacchierata con l’artista” sarà affidata, come nelle passate edizioni, alla squadra di “Fish eye”, il programma dell’emittente web Radio Stonata, che realizzerà uno speciale ogni lunedì alle 22:00.
Venendo all’e…

Presentazione della raccolta di racconti "Li cunti di un cilentano" di Raffaele Scorziello, venerdì 21 giugno ore 18 alla libreria IOCISTO di Napoli

Li cuntidi un cilentano di Raffaele Scorziello, Edizioni Magna Graecia, presentazione del volume venerdì 21 giugno 2019 ore 18 alla libreria IOCISTO di piazza Fuga a Napoli
Ne parlano Nunzia Gionfriddo (scrittrice e rappresentante Iplac per la Campania) e Prospero Albertini (fisico) tra le letture dell’attore Mario Mauro. Modera lo scrittore Luciano Galassi.
Il tema diLi cuntidi un cilentano, pubblicato postumo a cura di Vanda Riccio Scorziello, libro suddiviso per argomento in cinque parti, trae linfa dalla usanze e le abitudini di vita delle popolazioni cilentane dalla metà degli anni ’30 ai primi ’60 del secolo scorso. Non sono racconti di fantasia, dunque, ma più che uno spaccato di vita vissuta, e di memoria, in un arco di tempo che comprende il periodo del secondo conflitto mondiale e il suo Dopoguerra.
L’autore, Raffaele Scorziello di origine cilentana, nato e vissuto a Roccadaspide, non ha mai spezzato il profondo legame con la sua gente e con il suo territorio nonostante …

"PEPPINO DI CAPRI E I SUOI ROCKERS" in tutte le librerie il libro di Gianmarco Cilento, Graus Editore

PEPPINO DI CAPRI E I SUOI ROCKERS
di Gianmarco Cilento

È in tutte le librerie italiane il libro PEPPINO DI CAPRI E I SUOI ROCKERS di Gianmarco Cilento, recentemente pubblicato per i tipi Graus Editore, con la prefazione del compositore e cantautore Mimmo di Francia

Il volume, strutturato in sei capitoli di racconto, attraversa il periodo artistico di Peppino di Capri dagli inizi con il batterista Ettore “Bebè” Falconieri nel 1954 circa fino al 1968, anno dello scioglimento del complesso formatosi dieci anni prima, appunto, “Peppino di Capri e i suoi Rockers”, nome formale utilizzato nelle copertine dei dischi 45/33 giri e nei cartelloni per le esibizioni nei locali dal vivo, sia in Italia che all’estero.
Finora sul personaggio sono stati pubblicati due volumi di rilievo, quello di Geo Nocchetti, Peppino di Capri. Il sognatore, Edizioni Rai/Eri, Roma, nel 2004; l’altro di Vincenzo Faiella e Sergio Vellino dal titolo Peppino di Capri. Discografia illustrata, cinquant’anni dal 1958 al 2008, …

"Blu oltremare" di Anna Mozzi al Duomo di Casertavecchia

È stato presentato domenica 14 ottobre alle ore 17.00  al Duomo di Casertavecchia, il volume Blu oltremare di Anna Mozzi, il testo che, con la prefazione (dal titolo Un mosaico) del curatore dell’opera, Angelo Giuseppe Pizza, è dedicato a “chiunque è stato, è e sarà, in qualsiasi modo, “chiamato” dal blu oltremare!”, e diventa un sacrario per i bambini e le persone disperse in mare, in terra, in aria e in ogni luogo; cancellate nella memoria, saccheggiate dai loro destini…
Ispirato alle diatomee, vanta al suo interno le belle e colorate illustrazioni dell’artista Francesca Bartalini.
Dialoga con l’autrice Mariastella Eisenberg; gli interventi musicali sono di Ciro Formisano (violino solista); le letture di Anna D’Ambra. Modera Daniela Borrelli.




L’OPERA
“L’eternitàèilmareandatoviaconilsole”direbbeRimbaud -così scrive l’autrice nella sua introduzione al libro, che non è una banale raccolta di poesie. “Questoèilbluoltremare:ilpiùanticopigmento,unodeicoloripiùricchiepreziosi,associatonell’ic…

Presentazione del thriller “In nome del padre” di Massimiliano Amatucci il 29 novembre 2019 alla libreria Raffaello a Napoli

Il protagonista è in conflitto con se stesso. Votato al bene, per raggiungere un fine superiore, compie azioni deprecabili. Si muove nel ricco contesto socio economico dell’Europa di oggi, che stride con i valori cristiani e attira l’ira di varie forme d’integralismo. Su questi presupposti si amalgama il thriller di Massimiliano Amatucci, “In nome del padre”, 128 pagine, 15 euro, edito da Kairòs Edizioni, che si presenterà venerdì 29 novembre 2019 alle ore 17,30 alla libreria Raffaello in via Michele Kerbaker 35, Napoli.L’autore ne discuterà con Marco Lapegna, docente all’Università Federico II, e con lo scrittore Francesco Saverio Tisi, che leggerà qualche brano del libro, moderati dal giornalista Pino Cotarelli. L’evento sarà introdotto da Giovanni Musella, editore Kairòs.
“Dopo aver pubblicato due romanzi polizieschi, avevo voglia di cambiare direzione ed è stato naturale avvicinarmi ad un altro dei miei generi letterari preferiti, quello appunto del thriller”, chiarisce Amatucci. “…